A Loro del gelso si racconta che…

  • I signori della fattoria portavano ai contadini dei piccolissimi contenitori con dentro i bachi da seta. I bachi venivano messi in una cesta e gli davano da mangiare le foglie del gelso. Mangiavano giorno e notte e crescevano rapidamente. Quando mangiavano, i bachi facevano tanto rumore e a volte , quando erano  a tavola, i contadini sentivano “sgranocchiare”. Quando iniziavano a fare minuscoli fili di seta era il momento di metterli su dei rametti, in posizione verticale. Lì formavano il bozzolo. Quando i bozzoli erano pronti gli operai della fattoria li prendevano e li portavano alle filande. Nelle filande si lavoravano donne e bambini. Il loro lavoro era molto faticoso, durava molte ore e richiedeva molta attenzione.Ci hanno raccontato che una volta una bambina di nome Delia, molto povera, fu mandata a lavorare in una filanda a Montevarchi. Si alzava alle 4:00 di mattina, alle 5:00 iniziava a lavorare e finiva 8:00 di sera. Era stanca e triste. Ovviamente il lavoro minorile era vietato. Quando arrivavano gli ispettori nella fabbrica le donne nascondevano i bambini sotto le loro grandi gonne.  Dopo un po’ di tempo, visto che Delia stava male, la mamma la riportò a casa.
  • Con la seta si facevano abiti.
  • Il gelso è chiamato anche moro per i suoi frutti che somigliano alle more; si piantava per dare le sue foglie a mangiare per i bachi da seta e per costruire le botti con il suo legno. Oggi ce ne sono pochi .
  • Le more possono curare  il mal di gola, disturbi intestinali … Sono ottime per il gelato. Le more possono essere bianche o nere.
  • Ci sono  poesie che parlano del gelso e del baco da seta.

 

I bachi sul gelso

Sui graticci fitti e neri
sono i bachi nati ieri
e la casa all’alba s’alza
e va attorno presta e scalza.
C’è chi muta, c’è chi sfoglia…
chi sminuzzola la foglia…
E il vermino mangia e dorme
mangia e dorme e si fa enorme:
fin che un dì gli vedi in bocca
fil di seta e il bosco tocca.
Poi si chiude in un castello
senza porte e chiavistello,
e il cortile è tutto biondo
di quel bozzolo giocondo.

  • Mattino d’autunno
    (A. Manzoni)

Il cielo era tutto sereno:
di mano in mano che il sole s’alzava
dietro il monte si vedeva la sua luce…
Un venticello d’autunno,
staccando dai rami
le foglie appassite del gelso,
le portava a cadere qualche passo
distante dall’albero.

(da fonti orali)

 

 

 

 

 


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.