“La lezione degli alberi”

In classe abbiamo ascoltato una bellissima storia, che consigliamo a tutti di leggere.

Titolo: La lezione degli alberi.

Autore: Roberto Parmeggiani.

Editore: Massimiliano Piretti Editore. 

Trama: Enrico e Paola hanno nove anni e sono compagni di classe. Paola non parla e Enrico cerca di aiutarla. Va dal suo maestro, che gli racconta che i bambini sono come gli alberi…

Di seguito riportiamo le nostre Prime impressioni subito dopo aver ascoltato la  storia.
  • Mi è sembrata bella, anzi bellissima. Non mi sembra giusto che Paola venga presa in giro perché non parla; ma in fondo è finita bene e secondo me Enrico ha scelto l’albero perfetto per rappresentare Paola.
  • Questo libro mostra come è ognuno di noi: diversi, ma allo stesso tempo uguali.
  • E’ vero: sia gli alberi sia i bambini sono diversi. Io mi sento come tutti questi alberi messi insieme; alla fine mi rappresentano tutti.
  • Mi ha fatto quasi piangere, ma ho resistito perché mi vergognavo. Il libro è bello ed emozionante.
  • Siamo tutti diversi ma bisogna volerci bene, come due amici diversissimi della mia classe.
  • Questo libro è molto sintetico e poetico, mi fa ricordare tutti i miei amici e familiari. Mi piacciono molto i disegni.
  • Enrico e il suo maestro ci hanno spiegato bene le persone e gli alberi.
  • Questa storia mi ricorda i nonni che sanno di tutto e di più. A me piace la mia vita, vorrei essere un nocciolo che brilla al sole.
  • L’autore ha avuto una grande idea, perché dà molte ispirazioni…alla fine è stato bellissimo.
  • Questo libro è emozionante e mi ha fatto ricordare quando ero in Prima e ho aiutato una mia amica che prendevano in giro.
  • Questo libro è bello, specialmente l’ultima parte. E’ un libro di genere unico e spero che piaccia anche ad altri.
  • E’ bellissimo, soprattutto la parte in cui Enrico regala all’alunna un sacchetto di semi di cachi.
  • Mi è piaciuta soprattutto la parte finale: chissà se lei reagirà male o bene…Mi è piaciuta anche la descrizione degli alberi e credo di essere anche io un albero.
  • Il libro mi è piaciuto, ma la mia parte preferita è il paragone dei bambini agli alberi.
  • Gli alberi che mi rappresentano sono la quercia e il ciliegio. La quercia è forte, ma con un cuore dolce, il ciliegio è delicato e poetico.
  • Mi ha fatto capire che ognuno è diverso dagli altri. Io sono un pioppo: distratto e  sognatore.
  • Questo libro è molto bello e parla di alberi diversi. L’albero che mi rappresenta è la quercia, tranne che per il cuore tenero.
  • L’albero che mi piace di più è il ciliegio, perché contiene tante ciliegie dolci, e perché è delicato e poetico.
  • Ognuno è diverso dall’altro, come gli alberi: coraggiosi, timidi, allegri, malinconici…Paola è un caco. Io penso che sarei un pioppo, data la mia dimenticanza di cose, o un melograno per quanto sono allegro. Mi credo poetico come un ciliegio a volte castagno di fronte a persone che non conosco. Siamo uguali ma diversi.
  • L’albero che mi rappresenta è il castagno : timido, un po’ chiuso, pungente e sorridente.
  • Ho capito che non siamo tutti uguali, è che siamo come gli alberi: timidi, spiritosi, con un grande cuore.
  • Questa storia mi fa pensare di essere libera e che siamo come gli alberi. Mi rappresenta il ciliegio: delicata e poetica. Ma sono anche un melograno: allegra e generosa.
  • Questa storia ci dice che tutti siamo uguali, ma con caratteristiche diverse.
  • Questo libro mi è piaciuto molto; in particolare le illustrazioni che anche senza le scritte trasmetteva al storia.
  • Ho provato curiosità, tenerezza, perché Enrico ha regalato a Paola i semi…
  • Mi sono sentita spensierata e felice .
  • La storia mi fa capire che ogni bambino è  come ogni albero…
  • Siamo diversi come gli alberi, ognuno con le proprie caratteristiche…
  • Ogni albero è un bambino. Tanti alberi diversi e ognuno con pensieri diversi…Ad ogni bambino corrisponde un albero..secondo me il mio albero è il melograno.

Una risposta a "“La lezione degli alberi”"

  1. io mi sento… una quercia..,un melograno….,ma anche un ciliegio…,un pioppo,un caco,…Insomma ogni giorno mi sento un albero diverso forse perchè non tutti i giorni sono uguali e nemmeno noi siamo uguali tutti i giorni!!!!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.